In gemiti di passi certi

Lo sai, è difficile amarti
con la gola scabra d’attesa
in questo marzo tutto che
ci piove addosso
negligente di gemme.
Sono i giorni dei semi nel solco
che calpesto senza raggiungerti,
poi
nella solitudine dove ti fuggo
con le mani travaso la pioggia
e scavo il dolore dalla terra perché
germogli il mio volerti accanto.
Fra gli sterpi s’insinua un passo sottile
di lucertola, osando labirinti dove
perderci per sempre.
 
E  andarcene in passi certi
(ma non bisogna credere ai sogni dei poeti)
in un esodo verso il silenzio
di antichi borghi, dove anche la parola
può diventare casa
e il ritorno è sempre più lontano.

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...