L’odore verde delle primavere

magritte_1jpg

Il tuo borsalino d’inverno
le scarpe di cuoio coi lacci
che picchiano secche il parquet
t’affacci e s’oscura la stanza.
Io in punta di piedi
un bacio di sbieco, fra il collo e la barba
e vedo, sottecchi, la piega esigente del labbro.
Esitando sussurri di note
le mie mani bambine annodano il sol
ma il mio meglio, per te,
non è mai abbastanza.

Il suono imperfetto s’aggrava di pena
e accavallo le note che perdono
grazia in un moto di rabbia.
Poi ti guardo con sfida,
– ho gli stessi tuoi occhi –
e trattengo il respiro.
Il metronomo batte il mio tempo
le dita allargano i tasti
l’ accordo e’ cattivo
stonato, ribelle.
Scuoto le trecce, raddrizzo le spalle.

Fuori
l’odore verde della primavera
e Margherita suona il pianoforte.

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...