Con lo hojos vendados

Renè Magritte amants2
Quando c’è troppa luce
me voy con los ojos vendados
mi cerco nel profondo di un rio
sottoterra, tacendo segreti
di poco conto
vecchi al di là del tempo.
.
((La vita è un volo di storni, un uccello che ci morde i passi
a volte un passero ucciso che scava la notte col becco.))
.
Y cuando te hecho de menos
mi fermo
mi scosto di un nulla da me
e cerco i tuoi voli nel canneto
nel punto perfetto dove s’incontrano
le ali dei poeti e l’anima delle donne.
.

Il senso del pianto

Eppure
anche se a volte ho pianto
dopo averti urlato negli occhi
non era per volare via
ma era farmi infinita, stordita di te
era un sapere lontano, era l’oggi
era il poi.
Nella notte le cicale aravano il campo
di gridi
piangendo cercavo le mie ali
e tu il senso di quel pianto.
Avevi poesie scritte sulla schiena
e una lucciola su ogni dito
io ti leggevo di spalle
le tue mani facevano luce.
 
Dove sono adesso le mie ali?